Agnello in fricassea coi carciofi alla ligure

image

Questa è una ricetta molto gustosa che quando a Pasqua trascorro qualche giorno di vacanza al mare in Liguria mia suocera cucina per tutta la famiglia.

Il termine fricassea deriva dal francese fricassée,che ha sua volta origina etimologicamente dal latino “frixura”, che significa friggere, arrostire, rosolare la carne, di solito pollo o coniglio, ma anche l’agnello, il vitello, il manzo, il maiale, il fegato, le animelle o altre frattaglie e le verdure e il pesce.
La ricetta originale prevede che la carne venga tagliata a pezzetti, cotta a lungo con vino, burro ed erbe aromatiche e successivamente insaporita con una salsa a base di uovo e limone.
In alcuni casi la carne viene impanata prima della cottura, e alla preparazione di base si possono aggiungere anche verdure, come i carciofi, i funghi, le carote.

INGREDIENTI per 4 persone
.800 gr agnello tagliato in piccoli pezzi
.8 carciofi
.2 uova
.il succo di 1 limone fresco
.1spicchio d’aglio
.1 bicchiere vino bianco
.8 cucchiai di olio extravergine d’oliva
.sale e pepe q.b.

Iniziate la preparazione del vostro agnello in fricassea,tagliando lo spicchio d’aglio a fettine sottili.
In una padella antiaderente a fondo spesso fate rosalare lo spicchio d’aglio tagliato a fettine con gli 8 cucchiai di olio extravergine d’oliva .
Una volta imbiondito aggiungete gli 800g di agnello tagliato in picccoli pezzi e fatelo rosolare bene da tutte le parti.
Quando l’agnello avra’ preso un bel colorito rossiccio, salate e pepate a vostro piacimento e sfumate con il bicchiere di vino bianco.
Lasciate evaporare il vino a fuoco lento e continuate la cottura coprendo il tutto con un coperchio.

Nel frattempo pulite i carciofi dalle foglie esterne più dure, spuntateli dalla parte spinosa, tagliateli a spicchi e conservateli in acqua acidulata con limone perché non anneriscano.
A cottura della carne quasi ultimata togliete l’agnello dalla padella e cuocete i carciofi nell’intingolo che sarà rimasto nella pentola.
Quando i carciofi saranno cotti ma ancora al dente rimettete nella pentola i pezzi d’agnello, e terminate la cottura.

Nel frattempo in una scodella battete le 2 uova intere con il succo di 1 limone intero.
Terminata la cottura dell’agnello coi carciofi al momento di servire versate a fuoco spento le uova nella padella e, rimestate delicatamente per fare amalgamare bene tutti gli ingredienti fra loro e far leggermente addensare la salsa
Servite subito il vostro agnello in fricassea alla ligure bel caldo, cospargendolo, selo desiderate, con 2 cucchiai di prezzemolo tritato.

Se vi e’ piaciuta questa ricetta potrebbe anche piacervi
Fagiolini in fricassea
Carciofi in fricassea
Pollo in fricassea
Pollo in fricassea coi carciofi
Pollo in fricassea con i piselli
Pollo in fricassea alla ligure(con pinoli e piselli)
Branzino in fricassea alla ligure
Valentina.

Rispondi