Besciamella

image

Naturalmente non potevo non postarvi la ricetta tradizionale della besciamella.

INGREDIENTI per la BESCIAMELLA
.100g di burro
.100g di farina tipo 00
.1l di latte
.1 pizzico di sale
.noce moscata q.b.

Mettete a scaldare in un pentolino 1l di latte.
A parte fate sciogliere a fuoco basso il burro, poi spegnete il fuoco.
Unite al burro i 100 g di farina 00 setacciata a pioggia, mescolando con un cucchiaio per evitare che si formino dei grumi.
Rimettete sul fuoco e mescolate fino a dorarlo.
Aromatizzate il latte con la noce moscata e aggiungete un pizzico di sale.
Poi infine unitelo poco alla volta alla farina dorata e continuate a a mescolare.
Cuocete a fuoco basso per 5-6 minuti finché la besciamella non si sarà addensata.

Se volete la besciamella più liquida, aggiungete qualche cucchiaio di latte in più.
Se volete la besciamella più densa aumentate la dose di burro e farina.

La besciamella può essere conservato in frigorifero per 2-3 giorni al massimo, in un contenitore ermetico.
Quando la userete per renderla liscia e cremosa, lavoratela con uno sbattitore elettrico; se ciò non bastasse aggiungete un cucchiaio di latte per volta fino alla consistenza che desiderate.
La besciamella può anche essere congelata, ma ricordatevi di scrivere la data di congelamento, perché si conserva in frizzer per 1 mese circa.

Curiosità sulla besciamella
La besciamella è una salsa principe della cucina italiana e francese.
La sua funzione è quella di condire, legare, armonizzare i sapori conferire e supportare la gratinatura. La sua consistenza può variare, , da semi-liquida a gelatinosa, in base alla ricetta o ai gusti personali.
La besciamella è un ingrediente calorico ricco di grassi insaturi( contiene 172kcal per 100g di prodotto).

La besciamella è una salsa di origine tosco-emiliana.
In principio, la besciamella era chiamata “salsa colla” ed era una crema composta da latte intero, brodo, e spezie.
Fu esportata in Francia dai cuochi di Caterina de’ Medici, la seconda moglie di re EnricoIV. Il suo nome attuale è comparso per la prima volta nel libro “Il cuoco francese”, caposaldo della cucina francese, pubblicato nel 1651 scritto da François Pierre La Varenne, il cuoco del marchese d’Uxelles, Nicolas Chalon, per omaggiare il marchese di Nointel Louis de Béchameil ,spesso erroneamente indicato come l’inventore della ricetta.

Valentina

Rispondi