Make up: contouring o strobing?

Dare un effetto tridimensionale al proprio viso, migliorare i lineamenti e correggere delle imperfezioni è il sogno di ogni donna. E bastano una terra o un illuminante.

E due tecniche di make up: il contouring o lo strobing.

Ma facciamo chiarezza.

bigstock-Model-face-of-beautiful-woman-61673582-860x450_c

contouring

Il contouring, detto anche sculpting, e’ un make up che crea zone d’ombra e “scolpisce” il viso con l’utilizzo di una terra scura.
Nasconde i piccoli difetti e valorizza i punti di forza grazie a un sapiente gioco di luci e ombre
Esistono due tipi di contouring:
-uno più leggero e naturale, che aiuta a dare tridimensionalità al viso e migliorare i lineamenti senza stravolgerlo.
-uno più drammatico e forte, usato dalle celebrity per servizi fotografici o per il red carpet, che può addirittura “cambiare la faccia” cioe’ di cambiare radicalmente i lieamenti del viso tramite il gioco di luci e ombre.
Per realizzare il contouring esistono metodi e prodotti differenti. Per una maggiore tridimensionalità si possono usare due tonalità di fondotinta, di correttore e non può mancare la terra.
La terra deve diversa da quella ‘abbronzante’ detta anche bronzer, deve essere leggera e opaca, ed utilizzata dopo aver fissato il fondotinta per evitare macchi antiestetiche.

strombing

strombing

Il termine strombing deriva da luce stroboscopica, la luce ad intermittenza che illumina a tratti ciò che la circonda. L’obiettivo della tecnica dello strombing è brillare, creare flash di luce sul viso.
Trae origine dal trucco orientale giapponese in cui la base presenta pelli molto levigate.
E’ un trucco leggero e luminoso capace di dare tridimensionalità al viso, migliorare i lineamenti e correggere delle imperfezioni come doppio mento, zigomi piatti o naso a patata, è possibile.
I prodotti necessari sono:
.primer per una base omogenea,
.blush in crema o in gel
.illuminante o una terra per rendere il tutto luminoso al massimo, quasi ad effetto bagnato.
Anche le labbra, sono sempre lucide.
Valentina

Rispondi