Patate novelle al rosmarino

image

Al post delle patate al rosmarino, non potevo non fare seguire il post delle patate novelle al rosmarino.
Le patatine novelle al rosmarino sono un contorno apprezzato sia dia grandi sia dai bambini, ma sopratutto sono di facile, anzi facilissima preparazione.

Infatti di solito la preparazione delle patate al rosmarino prevede l’eliminazione della buccia.
Mentre le patate novelle si possono consumare anche con la buccia, sia al forno sia in padella, dopo aver verificato attentamente l’assenza sulla buccia di tracce di conservanti e terra.

Io vi posto la ricetta delle patate novelle al forno insaporite con rosmarino e aglio.

INGREDIENTI per 4 persone
.800g di patate novelle
.1 spicchio d’ Aglio
.2 rametti di rosmarino
.8 cucchiai di olio extravergine di oliva
.

Per la preparazione delle vostre patate novelle al rosmarino, iniziate a preriscaldare il forno a 200°.
Lavate bene bene le patate novelle senza sbucciarle e asciugatele con un canovaccio da cucina.
Prendete una teglia da forno rivestita con un foglio di carta da forno e disponete le patatine novelle stando attente a separale bene l’una dall’altra.
Sciacquate il rosmarino ed eliminate gli steli, conservando solo gli aghi
Prendete lo spicchio d’aglio, spelatelo e dividetelo in 4 parti ciascuno e disponetelo nella teglia sopra le patatine con gli 8 cucchiai di olio extravergine d’oliva e gli aghi di rosmarino.
Salate a vostro piacimento.
Date una bella mescolata al tutto e infornate in forno non ventilato preriscaldato a 180° e lasciate cuocere per un’ora, ricordandovi di girare le patate novelle a metà cottura.

Un consiglio in più
La cottura giusta dipende dalla grandezza delle vostre patatine novelle, perciò prima di estrarle definitivamente dal forno, assicuratevi che siano cotte al punto giusto utilizzando uno stuzzicadenti, con cui infilzare la patata novella di dimensioni maggiori.
Se lo stuzzicadenti non presenterà residui di patata, le vostre patatine novelle al rosmarino saranno cotte e pronte per essere servite belle calde!

Valentina.

Rispondi